accoppiamento cani

Come si accoppiano i cani

L’accoppiamento tra i cani avviene nel momento in cui entrambi gli individui hanno raggiunto la maturità sessuale.

Quando la femmina va in calore il maschio inizierà ad annusarla e, se lei si dovesse offrire, alzerà la coda, così da rendere la sua vulva più accessibile e visibile. Il maschio si avvicinerà verso la parte posteriore della femmina per salire sul suo dorso.

Fatto ciò, il maschio inserirà il pene eretto nella vulva della femmina, andandosi ad agganciare perfettamente attraverso il bulbo del glande, il quale si ingrandirà all’interno della vagina. Quando il maschio avrà raggiunto l’eccitazione massima eiaculerà lo sperma. Dopo l’orgasmo non andrà a staccarsi sin da subito dalla femmina, ma rimarranno attaccati tra di loro per circa trenta o quaranta minuti, così da rendere più sicuro il trasferimento dello sperma, che non deve essere perso.

Questo rituale è fisiologico, perciò non bisognerà mai andare a separare i cani durante questo processo.

Quando fare accoppiare un cane femmina

Se il proprio cane è una femmina è necessario aspettare che raggiunga la maturità sessuale, che arriva, solitamente, tra il sesto e il ventesimo mese di età. Il fattore che va a influenzare la capacità riproduttiva del cane è soprattutto la taglia, infatti quelli di dimensioni più piccole tendono a diventare fertili in meno tempo.

Solitamente, le femmine hanno due calori ogni anno, ma ciò è variabile in base all’età, all’alimentazione e alla salute.
Nell’eventualità si decidesse di far accoppiare un cane femmina, è consigliabile evitare di farlo in corrispondenza del primo o del secondo calore, poiché la maturità sessuale del cane non coincide con lo sviluppo fisico completo dello stesso.

E’ possibile che una cagnetta possa rimanere incinta già da piccola, ma non sarebbe l’ideale per affrontare al meglio la gravidanza della cagna.

Il calore della femmina si struttura in tre momenti diversi.

  1. Il primo è il proestro, quando la femmina comincerà a sembrare nervosa e ad urinare di frequente. In questo periodo avrà delle perdite tendenti al rosso e i genitali gonfi, quindi non sarà disposta all’accoppiamento.
  2. Il secondo è l’estro ed è la fase in cui la femmina è fertile. Questo periodo dura 8 o 10 giorni ed è caratterizzato da alcune perdite tendenti al giallo. In questo periodo, per ottimizzare le possibilità che l’accoppiamento abbia successo, è possibile recarsi dal proprio veterinario che mediante la misurazione dei valori di progesterone nel sangue potrà indicare quali saranno i giorni migliori per l’accoppiamento.
  3. Infine c’è il diestro, che è la fase in cui la femmina non è più disponibile all’accoppiamento.
    L’anestro, invece, sarebbe quel periodo che va’ dalla fine del diestro fino all’inizio del prossimo proestro. E’ bene sapere che i cani femmina non vanno in menopausa, quindi potrebbero rimanere incinta anche in età più avanzata.

Maturità sessuale e comportamento sessuale nel cane maschio

Il cane maschio, a differenza della femmina, non può andare in calore e raggiunge la maturità sessuale dopo gli otto o dieci mesi di vita. Una volta raggiunto questo momento della vita, acquisisce il completo sviluppo a livello fisico.

Durante la pubertà, il cane maschio avrà un aumento dei livelli di testosterone, iniziando così a desiderare l’accoppiamento. Un cane sviluppato sessualmente comincerà a fiutare l’odore della femmina in calore reagendo in diverse maniere, ad esempio sbavando, ululando o grattando la porta.

La maturità sessuale del maschio va’ distinta con il suo comportamento sessuale. La monta, infatti, non è solo il metodo di riproduzione, ma anche un segno di dominanza. Se un cane accetta la monta, sarà sottomesso, se invece un cane è dominante tenderà a reagire con aggressività nel caso subisse una monta.

Gli adulti, generalmente, si presentano pazienti quando i cuccioli tentano la monta, magari facendo capire con una ringhiata che non si deve fare. Se invece ciò avviene tra adulti è molto facile che si inneschino delle risse tra loro.

Accoppiamento cani durata e fasi

La fase iniziale dell’accoppiamento è caratterizzata dal maschio che fiuta il calore della femmina, attraverso l’odore, con lui che inizierà a girare intorno a lei e a scodinzolare. Una volta presa un po’ di confidenza tra i due, cominceranno a divertirsi con degli inseguimenti o con degli inchini.
A questo punto, il maschio potrebbe poggiare la sua testa sul dorso della femmina. Questo modo di fare equivale ad una richiesta di consenso da parte del maschio. Se la femmina rimane ferma significa che accetta l’accoppiamento.
Il corteggiamento fra cani, però, può variare da situazione a situazione, infatti è possibile anche che il maschio sia più aggressivo e che obblighi la femmina all’accoppiamento.
Una volta terminato il corteggiamento avviene la monta, ovvero quando il maschio penetra la femmina. In seguito avviene la fase dell’eiaculazione, che è quella di durata maggiore. Generalmente l’accoppiamento dura venti minuti. Una volta concluso l’accoppiamento, bisogna aspettare dieci minuti circa per fare in modo che essi si separino tra di loro. Se ciò viene fatto manualmente potrebbe creare un gran dolore ai due cani.
Nel caso entrambi i cani siano inesperti, potrebbe risultare utile aiutarli nel processo di accoppiamento, anche manualmente.

[wpgdprc "By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website."]

CategoryBlog

© 2017 - Prelpivet.it by rcrotti.it

Per Emergenze        031-4883016